Category: Interviste

marco bortolotti

Marco Bortolotti, testa e cuore da Top Player: “Il mio tennis è migliorato. Ho un gioco più aggressivo e sfrutto la mia velocità. Sono ancora concentrato sul singolare e miro al best ranking.”

Ho visto nel 2015 e nel 2016, i suoi migliori anni, Marco Bortolotti in tantissime occasioni. E il tennista emiliano mi ha sempre emozionato per il suo accanimento, e il suo gioco molto grintoso. In quel periodo non l’ho mai

Continua a leggere
alberta brianti

Alberta Brianti: ”Oggi si gioca un tennis di potenza e fisico. Ma è l’aspetto mentale a fare la differenza. Caregaro e Bandecchi hanno tanti margini di miglioramento.”

Il ricordo del titolo conquistato a Fes ai danni di Simona Halep, l’impresa sfiorata con Victoria Azarenka sul Philippe Chatrier, l’importanza delle competizioni a squadre nella formazione umana e professionale. Oggi l’allenamento di Martina Caregaro e Susan Bandecchi in cui

Continua a leggere
walter trusendi

Walter Trusendi: “Con un Coach al seguito nei tornei avrei avuto un best ranking migliore. Il mio futuro è allenare.”

Ho incontrato Walter Trusendi, il “Truso” per gli amici, in moltissimi tornei Challenger in tutta Italia. E come scoprirete anche nell’intervista in alto (anche in video) veniva sempre solo, senza allenatore, con un’aria scanzonata e uno sguardo indagatore allo stesso

Continua a leggere
Federico Ricci e Emil Russuvuori

Federico Ricci: ”Negli USA grandi quantità di lavoro e competizione esasperata. In Finlandia approccio più morbido e con Ruusuvuori c’è ancora molto da lavorare.”

Incontrai Federico Ricci, di cui avevo per altro sentito parlare benissimo, nel Challenger di Milano all’Aspria, quando lui accompagnava Niklas-Saalminen (vinse 2 partite di quali). Mi divertii a spiarlo, a rubarne i gesti, mi piacque molto l’atteggiamento e il modo

Continua a leggere
antonio zucca_Laura Siegemund

Antonio Zucca, a 28 anni coach di Laura Siegemund:” Alchimia immediata con Laura. Obiettivo essere più aggressivi e la top 50″

Intervista interessante e Antonio diventerà un gran bel coach. Una volta Arrigo Sacchi disse di Gianfranco Zola: “Diventerà forte quando smetterà di chiedere quasi scusa per essere a questi livelli.” Zola era appena arrivato in Serie A e in Nazionale

Continua a leggere